Istituto scolastico: al Filosi educazione alla legalità

istituto scolastico

Il Filosi è un istituto scolastico per i servizi commerciali, turistici e sociali costituito nel 1917 e che oggi rappresenta un punto di riferimento per tutti quei ragazzi che desiderano coltivare le loro passioni e avere maggiori opportunità di inserimento lavorativo. Qui infatti vengono curati progetti di alternanza scuola lavoro che consentono agli studenti di fare esperienze direttamente sul posto all’interno di aziende e di alberghi, sviluppando quanto appreso durante il percorso didattico.

La scuola si distingue per essere una scuola dell’innovazione che ha “sposato” la rivoluzione digitale e che attualmente permette di gestire molte attività attraverso una piattaforma di e-learning.

Tra i suoi progetti rientra quello dell’educazione alla legalità: ai ragazzi viene infatti insegnata la storia degli eroi che hanno combattuto le mafie e che ancora oggi si battono per un futuro libero dalle pressioni dei clan. Ma vengono insegnati anche la legalità e il rispetto sotto ogni altro punto di vista: si parla di violenza di genere, cyberbullismo, bullismo, accettazione di culture diverse.

Istituto scolastico Filosi: una sezione dedicata al rispetto della legge

Quella della legalità è una questione sempre attuale. Quotidianamente, basta accendere la tv e vedere un telegiornale, veniamo messi davanti a una società che vive nell’illegalità. Si parla di furti, attentati, atti criminosi, violenza e omicidi, argomenti dove la legge sembra essere dimenticata.

educazione alla legalitàL’istituto Filosi di Terracina ha pensato di puntare sui giovani e di insegnare loro prima di tutto il concetto di legalità. Entrando in un’apposita sezione è possibile reperire documenti interessanti relativi a:

  • Falcone e Borsellino;
  • Migranti;
  • Giorno della Memoria;
  • Bullismo sul web.

Vengono anche organizzati dei seminari specifici che consentono ai più giovani di apprendere l’importanza del rispetto della legge.

Dopotutto è proprio partendo dai banchi di scuola, trasmettendo ai ragazzi valori fin dalla giovane età, che forse sarà possibile contrastare in modo sempre migliore i fenomeni relativi all’illegalità.

Cosa possono fare i più giovani

Essere educati alla legalità significa sviluppare ideologie e profili non criminosi. Il ragazzo che riceve un’istruzione in merito ne parlerà probabilmente in famiglia e sarà maggiormente predisposto a partecipare a iniziative di sensibilizzazione insieme ad altri suoi coetanei.

Un ragazzo o una ragazza che rispettano la legge saranno adulti capaci di trasmettere valori importanti alla loro futura famiglia, ripudiando concetti come violenza e illegalità.

Combattere l’illegittimità significa poi avere anche il coraggio di agire, di denunciare quando la paura o comunque il timore di parlare possono portare al cosiddetto fenomeno dell’omertà. Il cambiamento reale inizia dai più giovani.

Si impara la solidarietà all’Istituto scolastico Filosi

I ragazzi che apprendono concetti sulla legalità sono poi maggiormente pronti a captare fenomeni “illegali”. Si pensi al cyberbullismo, oggi molto diffuso. Le vittime di questa forma di bullismo difficilmente ne parlano con i genitori ma tendono a confidarsi maggiormente con i loro amici.

Il giovane che sa in cosa consiste, come si manifesta e quali sono le conseguenze sulle vittime del cyberbullismo, quando viene a conoscenza di un caso, non lo sottovaluta ma anzi tende ad aiutare il suo compagno e lo  invita a farsi coraggio e a denunciare.